magyar | english

Tomus 3 Fasciculus 1 • 2001

Következő füzet »« Előző füzet
Tomus 3 Fasciculus 1 • Aprilis 2001
  • Szerző Frasso, Giuseppe
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 1-17
    Absztrakt L'esposizione non presenta, per gli addetti ai lavori, carattere di particolare novita; di contro essa e gravata da pesanti debiti nei confronti di numerosi contributi, a diverso titolo fondamentali: contributi dei quali essa e - se non in tutto, certo per ampia parte - forse troppo sommaria e approssimativa, seppur ragionata, epitome...
  • Szerző Sciacovelli, Antonio Donato
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 19-27
    Absztrakt La riflessione alla base di questo contributo viene da una suggestione, un ricordo d'infanzia: in Italia, e soprattutto nell'Italia del sud, non sono rare le chiese, specialmente quelle edificate nei secoli XVII e XVIII, dedicate al Purgatorio, e la ragione di questa denominazione, in contrasto con la normalità di santificare la Casa del Signore alla Vergine, a Cristo o ad un santo, aveva sempre destato la mia curiosita di ragazzo (a Matera, mia città natale dove ho vissuto diciotto anni della mia vita, e a Napoli, dove durante gli anni dell'Universita mi è anche toccato in sorte di abitare vicino la chiesa del Purgatorio...
  • Szerző Hoffmann, Béla
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 29-39
    Absztrakt È noto come la scienza medievale distingua chiaramente quattro modi possibili di lettura della Sacra Scrittura, postulando la presenza nel testo del senso letterale, allegorico, morale ed anagogico. Meditando sopra queste possibilità di lettura della Bibbia, Dante le considera quali strategie interpretative della poesia laica stessa...
  • Szerző Matucci, Andrea
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 41-50
    Absztrakt La morte di Beatrice, annunciata all'ingresso del capitolo XXVIII dai primi versetti delle Lamentationes Ieremiae, irrompe violentemente nella trama della Vita Nuova, lacerandola, attraverso una memorabile invenzione narrativa. Nelle pagine precedenti Dante si era adoperato affinché la terribile 'imaginazione' di morte del capitolo XXIII non assumesse nella mente dei lettori caratteri profetici su una reale tragedia imminente e rimanesse, priva di conseguenze apprezzabili, quasi conclusa e dimenticata in una 'erronea fantasia'...
  • Szerző Acél, Zsuzsanna
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 51-59
    Absztrakt Fra le tante prospettive, offerte dalla flora dantesca in generale, ora tentiamo di eseguire un' analisi, tutt' altro che globale, sulla problematica della nozione di albero. Visto che tutte le questioni dantesche, pur le più "microscopiche" sono complesse come la nostra, anche se ci limiteremo all'esplorarne alcune caratteristiche, dovrà tuttavia esser chiarita una base teorica, su cui l' argomentazione possa appoggiarsi...
  • Szerző Prokopp, Mária
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 61-67
    Absztrakt La Commedia di Dante e da quasi 700 anni 'Divina' per l'umanita. E divina nella sua forma poetica e nel contenuto e nella perfetta unita di questi. Appunto, 700 anni fa, nel primo Anno Santo, comincia il grandioso viaggio mistico di Dante, nel quale egli cerca appassionatamente, anzi disperatamente, la verita, lo scopo della vita umana per sé stesso e per tutti noi, cioe fino ad oggi...
  • Szerző Deen Schildgen, Brenda
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 69-83
    Absztrakt Nella Commedia, Dante impiega in modo nuovo la retorica politica della crociata militare in quanto lo spazio del suo poema è occupato dal suo pellegrinaggio e dalla sua crociata personale. Egli espone argomentazioni a favore di un governo universale che separi la Chiesa dallo spazio temporale, come ha fatto nella Monarchia. Nella Commedia, però, l'Europa è divenuta oggetto di una passione polemica, "litigiosa", del poeta. Qui all'interno del dramma poetico, con gli strumenti della meditazione e delle dottrine teologiche, Dante produce un'analisi di ampio respiro della moralita, dell'eticà, e dei fallimenti della storia...
  • Szerző Hajnóczi, Gábor
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 85-99
    Absztrakt La concezione secondo la quale l'opera di Giotto segna l'inizio dell'epoca moderna nella storia della pittura, viene codificata da Giorgio Vasari, ed è sostenuta in sostanza anche dalla storiografia dei giorni nostri. In questa concezione l'arte viene definita come un fatto storico e ed in essa si presenta il concetto del 'progresso' come elemento determinante del percorso storico. Ad animare tale progresso era tenuta Firenze e, quanto agli artisti, la loro origine fiorentina diventava la base di una valutazione artistica...
  • Szerző Blum, Paul Richard
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 101-109
    Absztrakt Il fatto che Dante abbia elogiato Sigieri di Brabante ponendolo accanto a San Tommaso nel Paradiso ha fatto scorrere torrenti di inchiostro, proprio perché la situazione poetica è in sé enigmatica. Varie perplessità sono causate dallo squilibrio delle nostre conoscenze dei due maestri medievali, dall'informazione che Sigieri sembra appartenere al gruppo degli averroisti e dalla prospettiva, secondo la quale ci si aspetta una presa di posizione di Dante - chiara e definitiva - sulla teologia e sul suo rapporto con la filosofia, e ciò soprattutto nel Paradiso...
  • Szerző Kelemen, János
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 111-129
    Absztrakt La filologia dantesca non ha mai trascurato il fatto che sia nella poesia, sia nei trattati teorici di Dante il problema del linguaggio ha una posizione rilevante. Ma tutt'ora rimane discutibilie se a Dante si possa davvero attribuire una concezione del linguaggio interessante, rilevante e originale...
  • Szerző Tassoni, Luigi
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 131-141
    Absztrakt Non si impressioni il mio ascoltatore per il titolo dato a questa relazione, che appare anche a me un po' pretenzioso. Penso però di dover partire da qui, ovvero dall'uso della rima equivoca da parte del maggiore poeta del Medioevo europeo, per cercare di capire in che modo persino un artificio cosi scoperto e persino giocoso per gli autori delle origini goda di potenzialita diverse...
  • Szerző Rónaky, Eszter
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 143-149
    Absztrakt Nella vasta opera critica di Giuseppe Ungaretti la Divina Commedia e Dante occupano un posto estremamente importante. Una particolarità tutta singolare del metodo critico ungarettiano è che in esso troviamo mescolati metodi critici di diversi tipi: elementi del metodo storicistico e filologico confluiscono in quelli, antesignani, del metodo strutturalista, formalista o del metodo semiotico...
  • Szerző Senardi, Fulvio
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 151-178
    Absztrakt Parlare di Dante, agli inizi del Duemila, non è impresa facile; ci si trova a dover procedere avendo alle spalle una tradizione interpretativa ormai vastissima, dove contrastanti linee di gusto e metodi d'approccio critico diversi se non opposti si intrecciano con la sinuosità di un arabesco. Eppure non si tratta di un compito meramente rituale...
  • Szerző Kaposi, Márton
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 179-186
    Absztrakt In questa esposizione - nella quale si tratta soltanto una fase della ricezione di Dante in Ungheria - vorrei richiamare l'attenzione su due unilateralità, e - almeno in parte - anche correggerle. L'una si riferisce alla dantistica ungherese; l'altra, all'operosita di Lajos Fülep...
  • Szerző Somogyi, Judit
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 187-196
    Absztrakt Mentre parliamo, il nostro discorso, seguendo l'articolazione dei nostri pensieri, viene spesso interrotto da pause, ora più brevi ora più lunghe; inoltre, per rappresentare le diverse modalità di quello che vogliamo dire, ci serviamo di vari tipi di intonazione...
  • Szerző Kun, Csilla
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 197-204
    Absztrakt In occasione di queste Giornate Dantesche che si svolgono a Piliscsaba, ho pensato di dedicare il mio intervento ad una tematica insieme italiana ed ungherese, che si occupi di un Canto cui si rivolge sempre un'attenzione particolare, sia per la sua bellezza intrinseca, sia per il fatto che in esso sono tematizzati gli aspetti ideologico-poetici del Dolce Stil Nuovo (a loro volta collegati ad una falsa interpretazione del concetto di stile da parte di Dante...
  • Szerző Szabó, Tibor
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 207-216
    Absztrakt Più si fanno delle ricerche approfondite su Dante, e più ci si deve rendere conto che è quasi impossibile averne un'impressione definitiva e globale. Dunque, bisogna accontentarsi di analizzare, specie in un breve saggio, solo alcuni aspetti della sua complessa fortuna. Noi ci limitiamo così alle interpretazioni ungheresi dei filologi, filosofi e teologi della prima metà del Novecento, e più esattamente a quelle del 1921...
  • Szerző Domokos, György
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 217-224
    Absztrakt Sulla fortuna di Dante nell'Ungheria medievale non disponiamo di prove sicure, ma solo di supposizioni. Nel Trecento la fortuna straordinaria della Divina Commedia ha origini bolognesi, città dove fu capitano Guido Novello da Polenta e dove in quell'epoca pullulavano gli studenti ungheresi. È impossibile supporre che questi, o i loro compagni di Ferrara, Padova, Siena, Perugia, Roma e Napoli non abbiano imparato l'italiano e non abbiano conosciuto il poema o qualche trattato di Dante...
  • Szerző D'Angelo, Biagio
    Füzet Vol. III/2001/1
    Kategória Artes
    Oldal pp. 225-233
    Absztrakt Quando si è soliti parlare di letteratura di viaggio, o della presenza del "viaggio" nella scrittura, si identifica questo genere specifico, ricchissimo di spunti e riflessioni filosofiche e di relazioni interculturali, con il Seicento. Nel periodo dei grandi viaggi e delle scoperte geografiche, della "scienza nuova" e della maraviglia per l'identita "altrui", la scrittura canonizza questo genere che solo di recente ha ritrovato un'eccezionale fioritura di interesse critico...
2012 PPKE BTK Romanisztikai Intézet© Horváth Márton